Amazon presenta i suoi droni per consegne sempre più rapide.

Il settore delle consegne non ha limiti per Amazon e adesso i clienti potranno ricevere i propri ordini dal cielo. Dopo aver annunciato il progetto già nel 2013, il gigante dell’ecommerce ha realizzato il suo primo drone per effettuare spedizioni di pacchi di piccole dimensioni e tra pochi mesi la tecnologia potrebbe essere disponibile tra le modalità di spedizione per i clienti del sito.

Il drone di Amazon è stato presentato il 5 giugno a Las Vegas, durante la conferenza re:Mars (Machine learning, automation, robotics and space). Decolla e atterra verticalmente come un elicottero e può consegnare un pacco di circa 2,5 chili (che costituiscono quasi l’80% dei pacchi spediti) in un raggio di circa 15 chilometri in mezz’ora.

Grazie all’impiego dell’intelligenza artificiale, il drone sfrutta alcune telecamere e sensori ottici per potersi muovere evitando gli ostacoli statici e in movimento. È stata probabilmente questa tecnologia a far ottenere alla compagnia di Jeff Bezos l’ok alla fase di sperimentazione da parte della Federal aviation administration (Faa) americana che si occupa della regolamentazione dei traffici aerei.

La scelta delle consegne con i droni rientra nel programma denominato Prime Air, che Amazon sta mettendo in campo per velocizzare al massimo le consegne per i suoi clienti. In questo piano rientrano anche le spedizioni in un giorno, un proprio aereo cargo e la costruzione di un hub aeroportuale a Cincinnati.

Ma Amazon non è l’unica a puntare in alto. Presto nei cieli americani si potranno vedere infatti anche i Google Wings sviluppati dalla società di Mountain View, che è stata la prima ad ottenere il via libera da parte della Faa per far volare droni dedicati alle consegne. Anche un colosso della logistica come Ups, insieme alla startup Matternet, ha sviluppato un servizio di consegne con droni per spostare medicinali tra gli ospedali della North Carolina.

Dalla rivista Wired

di Andrea Pitozzi

6 JUN, 2019


Piccola riflessione:

L’inarrestabile corsa all’efficienza quanti fattorini costerà? Poichè tale corsa è – di fatto – inarrestabile e poichè sarà pervasiva e riguarderà molti altri settori e servizi (home food, altre consegne, farmaci, ecc), quali politiche è necessario mette in campo per tutelare il lavoro ed i lavoratori? E’ un tema generale, in atto da tempo, su cui riflettere attentamente.

by MF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.